Our Blog

Editoriale

Un italiano su tre tra i nostri amici, parenti o conoscenti, ha o avrà, secondo i dati Istat occasione nella vita di sperimentare condizioni di disagio psichico o malattia mentale. La sensazione che muove chi scrive, è che intorno a tutto questo, intorno alle problematiche nell’ approccio ad un qualcosa che nemmeno la scienza sembra essere in grado di capire o gestire, ci sia una grande difficoltà data dal pregiudizio e dallo stigma. La certezza che ci muove, è che se si parla di salute mentale, se a parlarne, a raccontarne e ad interessarsene sono dei giovani, la vita di uno di noi, di quell’uno su tre, potrà migliorare.

Infatti, vivere una vita in salute non significa rinchiudersi in una campana di vetro protetti da improbabili finestre, mura o recinzioni; ma allenarsi al trovare delle risposte alle difficoltà in cui ci possiamo trovare.

Cosa c’è di meglio, quindi, delle storie? L’umanità infatti ha sempre fatto un grandissimo ricorso alle storie per gestire le difficoltà, socializzare e prepararsi agli imprevisti; su questo sito vogliamo scrivere e raccogliere le migliori.

Il sito è strutturato in tre macro-aree: la prima è dedicata ai racconti della salute mentale, la seconda è dedicata alle associazioni e agli enti che oggi, insieme al servizio sanitario nazionale si occupano del tema e la terza è dedicata a H.O.M. il cortometraggio in realtà virtuale che ci ha permesso di realizzare questo sito.

Per realizzare Tocktock abbiamo girato (e stiamo girando) l’Italia per incontrare gli utenti dei servizi di salute mentale, psichiatri e pazienti, familiari ed amici. Ci siamo resi conto che la famosa legge 180 è stato un processo che ha coinvolto le parti migliori della nostra società e che non è il punto di arrivo, ma un’importante tappa di un percorso nel quale la curiosità e la scoperta si sono accompagnate all’azione; un’azione responsabile e carica di conseguenze, anche estremamente dolorose, che hanno portato ad un sostanziale miglioramento della società in cui viviamo.


Tocktock è parte del progetto “Un meccanismo da nulla” prodotto a Torino da ToVR con il contributo ed il supporto del bando Ora!X di Compagnia di San Paolo. Se sei interessato, ti invitiamo ad approfondire la scheda del progetto e quella dedicata ai nostri partner. Se il sito ti è piaciuto, se hai dei suggerimenti, dei reclami o delle segnalazioni, ti invitiamo a scriverci attraverso l’apposito modulo di contatto.

(tra parentesi)

Lascia un commento